MASCHIO O FEMMINA?

Posted By on 21 agosto 2011

Questo e’ un altro bel quesito….

La richiesta piu’ gettonata e’ per la femmina, difficilmente per il maschio, che viene cercato di solito solo da chi ne ha gia’ avuto uno e sa com’e’ la convivenza con lui.

Quello che scrivero’ e’ da ritenersi attendibile per la razza maltese e chihuahua, avendone avuto un riscontro diretto: essendo due razze di cani da compagnia  hanno una propensione alla ricerca della vicinanza perenne del padrone, che diventa per loro un DIO DA ADORARE sempre e comunque.

Elenchero’ le differenze sostanziali nella gestione del maschio e della femmina:

1. Mentre il maschio non va in calore, la femmina presenta un estro ogni 6-8 mesi, pertanto bisogna usare mutandine per evitare che sporchi i pavimenti, i divani etc. e, soprattutto, prestare massima attenzione nelle passeggiate fuori casa quando vengono incontrati altri cani maschi, che riconoscono l’odore di una cagnolina in calore anche a distanza seguendo la scia che ha lasciato camminando per strada.

2. Quando non viene accoppiata da giovane, la femmina presenta di solito gravidanze isteriche dopo circa un mese dall’arrivo del calore, che determinano comportamenti simili ad un cagna in gestazione anche nel sopraggiungimento della montata lattea, che va poi mandata via con dei farmaci per evitarle la mastite. Per questo motivo viene poi consigliata la sterilizzazione che non e’, da parte mia, una soluzione ambita ed e’, comunque,un’operazione da affrontare.

3. Qualcuno potrebbe asserire che il maschio fa la pipi’ in casa sui mobili o sul muro, ma io rispondo che tenedenzialmente un cane ben educato non lo fa (ci sono anche delle femmine che lo fanno per segnare il territorio quando sono dominanti), salvo nel caso in cui ci sia una femmina in calore in casa oppure un altro maschio che lo ha gia’ fatto precedentemente, lasciando il suo odore. Infatti fintanto che non raggiungono la maturita’ sessuale anche i maschi fanno i loro bisogni sulle traversine, proprio come le femmine.

Per come ho scritto questo articolo,  sembrerebbe che io tendessi a consigliare l’acquisto di un maschio piuttosto che una femmina, ma non e’ cosi’…ho solo cercato di spiegare le “pecche”nella gestione di una femmina, nel caso in cui la stessa venga presa per compagnia e non per farla riprodurre. Ci tengo a sottolineare che il carattere del maltese non si diversifica nel maschio o nella femmina per il sesso ma per il soggetto stesso.

In conclusione vorrei sfatare il mito de “la femmina e’ piu’ dolce” ! No, non e’ vero e potrei dimostrarlo facendovi conoscere i miei maschi, che sono dei bambolotti appiccicosi e dolcissimi… a voi la scelta, spero molto oculata del soggetto che andrete ad acquistare come compagno della vostra vita!

Grazie per l’attenzione,

Laura Bellucci


About The Author

Comments

Leave a Reply

Please note: é abilitata la moderazione dei commenti e quindi ci sarà un ritardo tra la scrittura del post e la sua pubblicazione.La pazienza è una virtù; non è necessario ripresentare il tuo commento.